amici parco archeologico marsala 01_p_

amici parco archeologico marsala 03

Associazione Amici Del Parco Archeologico Di Marsala

Via Ludovico Anselmi Correale C/o Complesso San Pietro

Marsala - 91025 (TP)

Cod. Fiscale: 91030050818

 

info@amiciparcoarcheologicomarsala.it

Seguici su facebook:

28 novembre 2015 8.jpeg

Eventi

LA LATOMIA DEI NICCOLINI E IL MOSAICO RESTITUITO

Il discorso della Presidente

Buonasera e benvenuti, è con orgoglio che questa sera ci presentiamo a voi tutti con un piccolo grande risultato: il recupero e il restauro  del mosaico del cubicolo sud dei Niccolini, grazie al 2xmille di cui ha beneficiato l'Associazione amici del parco archeologico che ho l'onore di presiedere. Una storia che è cominciata nel 2021 quando il ministro della cultura in carica apre una finestra per inserire nella dichiarazione dei redditi le associazioni culturali no profit  affinchè ogni cittadino potesse indicare nella propria dichiarazione a chi devolvere il 2xmille. Ci documentiamo, abbiamo i requisiti richiesti, inoltriamo tutti i documenti, ci accreditiamo e veniamo inclusi in elenco pubblicato sul sito del ministero della cultura; il 21 febbraio 2023 ci viene comunicato che su 3000 richiedenti siamo al posto 118 e il 20 marzo ci viene accreditata la somma di 12.735,14 euro da spendere e rendicontare entro marzo 2024. Subito mettiamo a disposizione del parco la somma e, individuiamo  il bene   su  cui intervenire e, niente accade per caso, il 21 giugno dello scorso anno viene nominata direttrice del parco l'architetto  Anna Occhipinti . Nel presentarci e rivolgere il nostro saluto e benvenuto facciamo la proposta, di cui peraltro avevamo già parlato con la dottoressa Griffo, archeologa del parco. \La direttrice senza perdere tempo, ci guida nei primi adempimenti amministrativi e poi l'associazione prosegue con l'individuazione dei professionisti a cui affidare il lavoro sempre in sinergia con la dottoressa Griffo e l'architetto Anna Occhipinti. Si avvia cosi un percorso virtuoso di collaborazione che si conclude oggi con la presentazione del recuperato e restaurato  mosaico dei Niccolini che rischiava di perdersi irrimediabilmente, poichè a causa di una collasso della parte inferiore il pavimento musivo presentava una frattura  diagonale che causava perdita di tessere e scomposizione dell'immagine. Con l'intervento realizzato abbiamo restituito al patrimonio archeologico del parco e ai cittadini marsalesi un pezzetto di storia della Lilibeo paleocristiana.  L'auspicio è che il sito possa essere adeguatamente indagato, studiato e reso fruibile. Ci auguriamo che si possa riaprire l' opportunità per le associazioni culturali del 2xmille perchè se è vero che il nostro paese è un deposito immenso di opere d'arte è altrettanto vero che riportarle alla luce, studiarle, restaurarle, mostrarle è cosa  economicamente  impegnativa e solo con la sinergia tra pubblico e privato,tra volontariato culturale e istituzioni si può salvare questo patrimonio dall'oblio. Va in questa direzione la nostra Associazione, Amici del parco archeologico,nata da una felice intuizione della compianta Marisa Famà e dal desiderio di un gruppo di privati cittadini con lo scopo di collaborare con il Parco per la valorizzazione del patrimonio  archeologico in esso custodito e soprattutto va in questa direzione la FIDAM,la federazione italiana che riunisce le associazioni degli Amici dei musei italiani, a cui noi siamo federati. Non a caso il presidente dott. Italo Scaietta ha già deliberato di inoltrare ufficiale richiesta al ministero per ridare la possibilità di accedere al beneficio del 2xmille nella prossima dichiarazione dei redditi, con l'intento di farlo diventare non più un  contributo saltuario e insperato ma  istituzionalizzato, in modo da  attuare la sussidarietà orizzontale ovvero la collaborazione tra associazionismo privato e istituzioni pubbliche per la realizzazione di finalità di interesse generale, come la salvaguardia del nostro immenso patrimonio. Il volontariato culturale non è un passatempo ma l'assunzione di responsabilità nei confronti del patrimonio che tutti ci accomuna e che grazie alla distribuzione capillare sul territorio delle associazioni amici dei musei può veramente incidere positivamente nella cura, valorizzazione e fruizione del patrimonio stesso,  laddove il pubblico, vuoi per mancanza di risorse economiche e umane, vuoi per lungaggini burocratiche  rischia di perdere testimonianze pregevoli artistiche, architettoniche,archeologiche della nostra storia . Concludo con i ringraziamenti che ho il dovere ma soprattuto il piacere di fare a tutti coloro che hanno reso possibile questo evento:  l'architetto Anna Occhipinti , che ci ha guidato con sapienza e verve, la dottoressa Maria Grazia Griffo, archeologa del parco che ha dedicato  la consueta professionalità  e impegno alla preparazione e alla riuscita dell'evento, i professori dell'Università di Palermo, Mauro  Lo Brutto, Emma Vitale,Marco Correra ,Andrea D'Agostino per aver illustrato il contesto  e le risultanze dei loro studi e rilevazioni e ci hanno delucidato come coniugare, grazie alla tecnologia, rigore scientifico e contenuto culturale; ringrazio i  professionisti che racconteranno passo dopo passo i loro interventi sul mosaico, l'archeologo Alessandro Abrignani, la restauratrice Angelina Castiglia, il prof.Raffaele Martorana e il fotografo pubblicitario Franco Rancatore. Ringrazio, inoltre il personale del Parco sempre accogliente e collaborativo, tutti i soci che con il loro contributo hanno consentito di realizzare il progetto di restauro e recupero del mosaico dei Niccolini, e il consiglio direttivo dell'associazione che collabora con passione e dedizione alla realizzazione degli scopi statutari per i quali l'Associazione si è costituita .

28 novembre 2015 8.jpegfoto%207.jpegfoto%206.jpegfoto%202.jpegfoto%204.jpegfoto%201.jpegfoto%203.jpeg

L’ ASSOCIAZIONE AMICI DEL PARCO ARCHEOLOGICO COMPIE DIECI ANNI

Sabato 18 dicembre 2021 presso la sala conferenze del Museo Lilibeo, l’Associazione Amici del Parco Archeologico di Marsala, presieduta dalla prof.ssa Violetta Isaia, ha celebrato il Decennale dalla sua costituzione. Nata il 18 dicembre 2011 per volontà di alcuni cittadini, cui stavano a cuore la tutela e la valorizzazione del ricco patrimonio archeologico ed artistico di Marsala, ha in questo decennio promosso varie iniziative finalizzate alla diffusione e alla conoscenza dei beni archeologici ed ambientali del territorio. Come nell'intenzione dei soci fondatori, l'Associazione è sempre stata al fianco del Museo e del Parco con lo scopo di fornire sostegno e collaborazione volontaria. Giova ricordare le numerose conferenze, inerenti temi di archeologia e storia antica, tenute da illustri studiosi ed archeologi, le varie iniziative, come visite guidate, organizzazione di eventi culturali ricreativi, la rassegna teatrale “In mito al Parco”, il progetto “La scuola va al Museo “rivolto alla scuola primaria e dell'infanzia, e, da ultimo, il recital “Sette secoli di Dante”. Nel corso della serata vari sono stati gli interventi. La direttrice del Parco , dott.ssa Anna Maria Parrinello, che ha fatto gli onori di casa, ha ringraziato la Presidente e tutti i soci per il supporto e il sostegno che il sodalizio fornisce al Museo e al Parco; il  prof. Rosario Lentini e la dott.ssa Maria Grazia Griffo hanno ricordato le figure di due Presidenti dell’Associazione, rispettivamente, l’avv. Maurizio Signorello e la dott.ssa Maria Luisa Famà, che hanno fornito all’Associazione, un significativo contributo alla crescita del sodalizio; l'avvocato Nino Alabiso socio fondatore, ha ribadito il senso e lo scopo dell'associazione;  la prof.ssa Lina Novara, ha porto i saluti dell’ Associazione “Amici del Museo Pepoli” di Trapani, di cui è Presidente, ricostruendo la genesi di entrambe le Associazioni e le finalità che si prefiggono; l’arch. Enrico Caruso, già direttore del Parco Archeologico, ha messo in risalto le difficoltà gestionali che alcuni Musei siciliani, tra cui quello lilibetano, incontrano nell’espletamento della loro attività, ma, di contro, trovano il supporto morale e finanziario dell’ “Associazione degli Amici”, cui ha rivolto  il proprio saluto e gli auguri di una sempre più proficua  collaborazione; l’Avv. Paolo Ruggieri ha recato i saluti dell’Amministrazione Comunale , sottolineando l'importanza che le associazioni culturali, come l'Associazione Amici del Parco,  rivestono nel favorire la conoscenza della storia della città attraverso le testimonianze archeologiche ed artistiche. La Presidente, Violetta Isaia, riallacciandosi all’intervento del Vice Sindaco, ha aggiunto che  il “ Museo” non deve essere un luogo da visitare una sola volta, ma un posto da frequentare abitualmente, perché in esso si trovano le nostre radici, la nostra storia, la nostra identità e i reperti sono beni comuni che tutti abbiamo il dovere di custodire, valorizzare e tramandare alle generazioni future proprio attraverso l'associazionismo culturale che mette in campo competenze e conoscenze, volontariato e generoso impegno, diventando presidio culturale nel territorio.  A fine serata è stato consegnato ai presenti un porta penne a ricordo del decennale, con incisi il logo dell’Associazione e la motivazione dell’incontro, e la Presidente, a nome proprio e di tutto il Consiglio Direttivo, ha formulato a tutti i convenuti e rispettive famiglie gli auguri per le imminenti festività.

foto%208.jpeg18%20dicembre%202021%2010.jpeg18%20dicembre%202021%209.jpeg18%20dicembre%202021%2012.jpeg18%20dicembre%202021%2016.jpeg18%20dicembre%202021%2011.jpeg18%20dicembre%202021%2015.jpeg18%20dicembre%202021%206.jpeg18%20dicembre%202021%2014.jpeg18%20dicembre%202021%2013.jpeg18%20dicembre%202021%208.jpeg18%20dicembre%202021%207.jpeg18%20dicembre%202021%202.jpeg18%20dicembre%202021%203.jpeg18%20dicembre%202021%204.jpeg
latomie-dei-niccolini.jpeg

2 X MILLE

L'Associazione Amici del Parco archeologico di Marsala, destinataria del contributo del 2xmille relativo all'anno 2020, avendo avuto accreditata la somma di 12,735,14 euro il 16 marzo 2023, ha destinato la suddetta somma al recupero e restauro del mosaico pavimentale del cubicolo S della latomia dei Niccolini, vasta area che costituisce il nucleo più importante del sistema di latomie utilizzate come cimitero dalla prima comunità cristiana di Lilibeo. 

Il mosaico raffigura un vaso a due anse con tessere policrome, testimonianza dell'arte funeraria cristiana lilibetana tra il III e il IV sec. d.C. ma che rischiava di essere irrimediabilmente perduto .